Pubblichiamo alcuni estratti dall’articolo di Arezzo Notizie

“È stato presentato questa mattina in Palazzo d’Arnolfo il progetto di apprendistato duale, fortemente voluto dall’Amministrazione comunale, che coinvolge i Licei Giovanni da San Giovanni e ABB, leader a livello mondiale nell’elettrificazione, nella robotica, nell’energia e nell’automazione che aprirà nel 2022, un nuovo stabilimento a San Giovanni Valdarno sostenibile, moderno e ad alta innovazione. Il piano prevede un percorso di apprendistato di secondo livello per il conseguimento del diploma e percorsi di Istruzione e formazione tecnica superiore (IFTS) in filiera.

L’apprendistato duale permette di coniugare la formazione on the job con l’istruzione scolastica. In pratica si tratta di una tipologia di contratto che consente ai giovani di frequentare un percorso di istruzione per conseguire un titolo di studio e, contemporaneamente, di essere assunti come apprendisti, anticipando l’ingresso nel mondo del lavoro. Istituzioni e imprese cooperano e collaborano per trasmettere a ragazzi e ragazze le competenze necessarie per l’acquisizione del diploma prescelto e per sviluppare la professionalità richiesta dall’azienda. In questo modo il giovane “impara lavorando” e il suo percorso di apprendimento avviene contestualmente a scuola e al lavoro.

Alla conferenza stampa erano presenti il sindaco di San Giovanni Valdarno Valentina Vadi, l’assessore all’istruzione Nadia Garuglieri, la dirigente scolastica dei Licei Giovanni da San Giovanni Lucia Bacci, la dirigente tecnica dell’Ufficio scolastico regionale per la Toscana Elisabetta Bonalumi, la project manager sistema duale di Ali – agenzia per il lavoro Anna Zeloni e il local product group and plant manager di Abb Stefano Chieregato.

[…] Il progetto si configura come pilota, sia a livello regionale che nazionale in quanto realizzato nell’ambito dei licei, i Licei Giovanni da San Giovanni. Lo strumento di apprendistato duale è di solito utilizzato dagli studenti degli istituti tecnici e professionali considerati, in genere, con un’impostazione più pratica delle competenze. L’impatto culturale di questo progetto potrà essere utile per legittimare tale sistema.

La novità è anche quella di progettare, contestualmente, insieme ad un percorso di apprendistato duale, anche un percorso di Istruzione e formazione tecnica superiore (IFTS) in filiera in modo da favorire il passaggio al terzo livello di istruzione. Il progetto si avvale del fondamentale supporto di Ali Spa e sarà operativo da marzo 2022. Il progetto prevede la partecipazione volontaria degli alunni di tutti gli indirizzi dei Licei.

“Questo percorso di didattica potenziata – ha aggiunto la dirigente scolastica dei Licei Giovanni Da San Giovanni Lucia Bacci – rappresenta la possibilità di ‘una scuola oltre i muri’. Non si può più pensare, al mondo d’oggi, che l’educazione si esaurisca all’interno della aule scolastiche. Il compito fondamentale della scuola rimarrà la formazione umana dell’uomo, del pensiero critico, creativo e valoriale ma questa missione non può non tener conto dei nuovi contesti, deve aprirsi ai nuovi scenari che la tecnologia e l’innovazione permettono. L’apprendistato duale punta a mettere a disposizione degli allievi tecnologia competitiva, esercizio di competenze relazionali in contesti differenti ed accesso a scenari occupazionali contingenti o futuri; potranno vedere e capire le ricadute pratiche di conoscenze teoriche. Sicuramente non sarà un percorso semplice per chi lo sceglierà ma le opportunità che ne deriveranno saranno gradi”.

Viste le delibere degli organi collegiali dei Licei, a breve la dirigente scolastica organizzerà un incontro con i ragazzi, le ragazze e le famiglie per spiegare il progetto.”