Anassimandro e l’indefinito spazio

Per Anassimandro il principio è astratto

e accoglie le linee di ogni ritratto:

la materia nel suo continuo strazio

si definisce nell’indefinito spazio:

nel mondo le cose risultano geometria

e la terra è al centro per simmetria.