Carissimi Studenti, gentili Genitori,

sabato 16 maggio la ministra Azzolina ha reso pubbliche le ordinanze applicative sulla valutazione finale dell’anno scolastico 2019/2020 e sugli esami di stato e quindi per facilitarvi nella comprensione delle novità introdotte sintetizzerò i punti che vi coinvolgono direttamente.

Per quanto riguarda l’ammissione all’esame di stato, sono ammessi tutti gli studenti anche in assenza dei requisiti previsti dall’art.13, c. 2, del d. lgvo 62/201 (cioè frequenza per almeno tre quarti del monte ore annuale, svolgimento prove INVALSI, PCTO e votazione nelle discipline e nel comportamento non inferiore a sei decimi), quindi anche con votazioni insufficienti. Il credito scolastico è attribuito durante lo scrutinio finale fino ad un massimo di a 60 punti: 18 per la classe terza, 20 per la classe quarta, 22 per la classe quinta e verrà calcolato secondo le tabelle dell’allegato A che accompagna l’ordinanza ministeriale. Vi ricordo che i PCTO concorrono alla valutazione delle discipline alle quali fanno riferimento e al comportamento e dunque contribuiscono alla definizione del credito scolastico.

Il 30 maggio sarà pubblicato on line sul sito web dell’istituto il documento di classe che illustra il percorso scolastico seguito da ogni quinta, anche in riferimento alla didattica a distanza, dove saranno indicati  i contenuti, i metodi del percorso formativo, i criteri, gli strumenti di valutazione adottati, i testi del programma di italiano, le iniziative a cui ha partecipato la classe e le attività svolte per quanto riguarda “Cittadinanza e Costituzione”; le  iniziative relative ai PCTO; la documentazione relativa ai gruppi di lingue (per il linguistico), il CLIL se attivato.

La sessione degli esami di stato inizierà il giorno 17 giugno 2020, con l’avvio dei colloqui.

L’esame di stato consiste quest’anno in una prova orale, un colloquio della durata massima di un’ora a candidato ed ha una strutturazione ben precisa. Si divide in 5 parti:

A) la discussione di un elaborato scritto concernente le discipline di indirizzo individuate  come  oggetto della seconda prova scritta. L’argomento è assegnato a ciascun candidato su indicazione dei docenti delle discipline di indirizzo, entro il 1° di giugno. I docenti possono assegnare un argomento diverso per ciascun candidato, oppure uguale per tutti o a gruppi di candidati uno stesso argomento  che si presti a uno svolgimento fortemente personalizzato. L’elaborato sarà inviato entro il 1° giugno a ogni studente. Lo studente dovrà poi trasmetterlo per mail entro il 13 giugno all’indirizzo mail istituzionale dei docenti delle discipline di indirizzo. In base agli indirizzi di studio, seguiranno indicazioni precise sulle procedure di invio da seguire. 

Ricordo le materie indicate dal Decreto Materie del 30.01.2020, ai sensi dell’art.1,comma 1, lettere a) e b) per i nostri licei: liceo linguistico, lingua 1 + lingua 3; Esabac solo lingua Inglese; L.S.U. Scienze Umane; L.E.S. Diritto ed economia+ Scienze umane e sociali;

B) la discussione di un breve testo di italiano, studiato nel corso dell’anno e quindi presente nel programma di Italiano ed esplicitato nel documento di classe;

C) l’analisi del materiale scelto dalla commissione che può essere un testo, un documento, un’esperienza, un progetto, un problema, coerente con il percorso di studio svolto; 

D) l’esposizione dell’esperienza di PCTO mediante una breve relazione, anche con un elaborato multimediale. Gli studenti che hanno bisogno di ritirare materiale dalla cartellina delle esperienze di PCTO, dovranno mandare una mail alla prof.ssa Ermini Cristina per prendere accordi per il ritiro (indirizzo mail: ermini.c@liceisgv.eu)

E) l’accertamento delle conoscenze e delle competenze su “Cittadinanza e Costituzione”.

Per quanto concerne le conoscenze e le competenze della disciplina non linguistica veicolata in lingua straniera attraverso la metodologia CLIL, il colloquio può accertarle soltanto se il docente della disciplina coinvolta faccia parte della commissione di esame.

Gli studenti della quinta ESABAC, oltre a quanto indicato sopra, devono sostenere anche le prove Esabac che, quest’anno, sono sostituite da una prova orale in lingua e letteratura francese e in Storia veicolata in francese. Per il Baccalaureat, le due prove orali avranno un voto in ventesimi per ciascuna delle prove e per il rilascio del relativo diploma occorre raggiungere un punteggio complessivo almeno di 12/20 che è la soglia della sufficienza.

Gli esami si svolgeranno in presenza, nello stretto rispetto da parte di tutte le persone presenti nell’edificio, docenti, studenti, personale ATA, di un preciso protocollo di sicurezza che sto predisponendo con l’RSPP nel rispetto della normativa  e che invierò a tutti non appena pronto.

Lo svolgimento dei lavori in modalità telematica è previsto nei casi in cui le condizioni epidemiologiche e le disposizioni delle autorità competenti lo renderanno necessario.

Colgo l’occasione, cari studenti, per invitarvi a concludere questo anno scolastico così diverso a seguito dell’emergenza sanitaria lavorando con serietà e con impegno, sostenuti da quello spirito di collaborazione e di vicinanza che anima i vostri docenti nell’accompagnarvi nel miglior modo possibile a questa prova.

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Prof. ssa Lucia Bacci