Mercoledì 7 Dicembre le classi 3B, insieme alla 3A, hanno vissuto una giornata importante nel cammino di crescita del percorso sperimentale della Sezione Rondine, a cui i Licei ed altre dodici scuole italiane aderiscono in virtù del protocollo d’intesa sottoscritto con il Ministero dell’Istruzione per la promozione del dialogo e della pace attraverso attività didattiche innovative (DM 107/2020 e 1646/2020).

Guidate da Christopher, studente nigeriano di microbiologia applicata, e Dunya, studentessa bosniaca di scienze politiche, le ragazze hanno avuto modo di toccare con mano e conoscere meglio la realtà di Rondine e dello Studentato Internazionale “World House”, dove convivono quotidianamente giovani provenienti da paesi in guerra fra loro. 

Insieme hanno visitato la Cittadella e riflettuto, in maniera intensa e profonda, sulla decostruzione del concetto di nemico e la risoluzione creativa dei conflitti. 

Il tema di una nuova scuola possibile, invece, è stato al centro dell’incontro con i giovani studenti del QAR Quarto Anno Liceale d’Eccellenza a Rondine, esperienza che vede una classe di liceali provenienti da tutta Italia frequentare il loro quarto anno a Rondine e che vede appena riaperto il bando per l’a.s. 2023/2024.

Quarto Anno Rondine https://quartoanno.rondine.org/

Giornata conclusa, infine, ad Arezzo dove le classi hanno visitato la mostra “Amare è un’altra cosa”. Ospitata a Palazzo Chianini Vincenzi e patrocinata dalla Cna, dal Comune e dall’Assessorato alle pari opportunità di Arezzo, la mostra vede coinvolti 56 artisti provenienti da tutta Italia le cui opere, eseguite con vari stili e tecniche, hanno come filo conduttore il mondo femminile e la violenza di genere. Artisti che devolveranno il 30% del ricavato dall’eventuale vendita a Pronto Donna, associazione di volontariato che opera in rete con altre associazioni e istituzioni per offrire tutela alle donne che subiscono violenze.